26 Aprile 2017


percorso: Home

I Fondatori

Sonia Cellini, co-Fondatore e Presidente di ARIANNe
«Nel novembre 1998 scoprii di avere l'endometriosi e quasi nessuno era in grado di spiegarmi in cosa realmente consistesse e quali potessero essere le conseguenze. Nel frattempo la maggior parte dei ginecologi la scambiava per colite. Nei corsi degli anni sono stata sottoposta ad una serie interminabile di interventi, fino al punto che nel 2009 in cui si e' stati costretti ad asportare utero ed ovaie perche' nel frattempo la malattia aveva intaccato le ovaie, l'utero, l'intestino, la vescica, il setto retto-vaginale e l'uretere, incidendo sulla mia vita personale e professionale. Voglio, pero', sottolineare che non e' detto che si debba arrivare ad una situazione simile: se si sta attenti ad individuare i giusti sintomi e si individua per tempo la malattia, e' possibile fare molto per limitare i danni che da essa possono derivare. ARIANNe e' nata per fornire alle donne ammalate informazione e formazione su cio' che si puo' fare, perche' possano sostenersi a vicenda attraverso lo scambio delle rispettive esperienze, per sensibilizzare la comunita'  medica, le Istituzioni allo scopo di istituire un registro delle donne affette di endometriosi e di ottenere l'esenzione dal ticket sanitario. La scelta del nome non e' casuale: grazie al filo di Arianna infatti Teseo riusci' a uccidere il di lei fratellastro, il Minotauro, ed a uscire dal labirinto. Anche noi, grazie al filo di ARIANNe, potremo uscire dal nostro labirinto sfuggendo quel "minotauro" che e' l'endometriosi, una sorta di "fratellastro" con le quali siamo obbligate a convivere».
presidente@associazionearianne.it
Perchè il nome ARIANNe ?
"La scelta del nome non è casuale: grazie al filo di Arianna dipanato dall'entrata, Teseo, dopo aver ucciso il fratellastro Minotauro, riesce a ritrovare la via per uscire dal labirinto di Cnosso: il filo di Arianna è dedicato alla mia metà perduta in quanto ho sempre avuto la sensazione che mi mancasse una parte, che l'endometriosi mi avesse strappato via una metà e che non si riuscisse a ritrovarla. Arianna, la Dea del labirinto. Questo labirinto che è come un luogo di iniziazione, un luogo in cui l'uomo deve uccidere una parte mostruosa, terrificante ma di grande potere, un'ombra, la propria ombra, una parte di sé stesso. Il labirinto inteso come la parte più oscura e profonda di noi. Un luogo dove sacrificare una parte di sé, per poi nascere ed uscire dal labirinto grazie all'amore di Arianna, colei che sa che deve sacrificare una parte di sé: il fratellastro, in qualche maniera una parte di noi "muore" per rinascere a nuova vita. Il mito del labirinto, del Minotauro, di Arianna e del suo filo, si è presentato spesso per un lungo periodo della mia vita ed ho sentito la necessità di dare vita ad ARIANNe - endometriosi: Associazione dedicata alla malattia.
ARIANNe è il nostro filo per uscire dal labirinto per rinascere a nuova vita."
Moreno Vespi, co-Fondatore di ARIANNe
"ARIANNe rappresenta per noi l'inizio di un'avventura nuova e molto importante. Ringrazio tutte le persone che ci hanno dato una mano per realizzare l'obiettivo che ci siamo prefissi. ARIANNe e¨ un'associazione di volontariato che nasce con l'obiettivo di combattere l'endometriosi in tutti i modi possibili, da un lato fornendo sostegno ed informazioni alle persone che gia'  ne soffrono, dall'altro incentivando la ricerca medica e sensibilizzando le Istituzioni e l'opinione pubblica nei riguardi di questa malattia che colpisce frequentemente ragazze dai 20 ai 35 anni, portando spesso alla sterilita'. Ci impegniamo tutti sin da ora nel dedicare le nostre energie a quest'associazione che, al di la'  del contributo di tutti, non sarebbe pero' mai potuta nascere senza l'impegno e la determinazione del suo Presidente, Sonia Cellini".
vespimoreno@associazionearianne.it
Monica Nassisi, co-Fondatore e Vice Presidente di ARIANNe
ARIANNe nasce per non lasciare da sola la paziente di fronte all´endometriosi.

ARIANNe accompagna la paziente lungo il percorso: dalla prenotazione degli esami al sostegno psicologico.

ARIANNe si mette a disposizione delle donne e dei suoi familiari.
I campi in grassetto sono obbligatori.

PRIVACY INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI
Per qualsiasi richiesta di informazioni effettuata tramite questo sito si considerano valide le informazioni sotto riportate:
Dati personali relativi agli utenti (art. 13 D.Lgs. 196/2003)
Gentile utente, nel ricordarle che siamo a Sua disposizione per ogni ulteriore delucidazione, in relazione ai dati personali a noi necessari per poter dare esito alle Sue richieste e nel rispetto di quanto previsto dal Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali), in particolare dagli artt. 13 (Informativa) e 23 (Consenso), Le forniamo le seguenti informazioni:
Per poter entrare a far parte della comunità on-line di www.associazionearianne.it ed accedere ad alcuni servizi (richieste di informazioni, richieste di registrazione nell´Area Privata) è necessario effettuare la registrazione al sito (www.associazionearianne.it). Durante la registrazione all´utente sono richiesti dati personali.
I dati vengono archiviati in una banca di dati e trattati secondo l´art. 7 - Codice in materia di protezione dei dati personali - Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196.

Per maggiori informazioni visita il sito del garante per la protezione dei dati personali:
Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali
(http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?ID=1042761 ). Questo riportato è l´indirizzo controllato in data 28/11/2008 se successivamente variato, non è di nostra competenza, ti consigliamo di cercare sul sito del Garante della Privacy e/o sul sito della Guardia di Finanza.

Titolare del trattamento di dati personali è Dott.ssa Sonia Cellini responsabile della privacy all´interno di ARIANNe Onlus
torna indietro leggi l'accettazione privacy  obbligatorio


digita i codici di sicurezza, se più di uno separati da uno spazio



[Realizzazione siti web www.sitoper.it]